Riserva naturale Duna Feniglia

Ieri sono stato in un posto incredibile. Bellissima giornata perché sono stato in un paradiso terrestre, circondato per 5 ore dalla natura, assenza quasi totale di uomini (ho incontrato solo 2 persone), e persino la pioggia battente rendeva tutto ancora più affascinante.

Ho visto una miriade di specie diverse: daino, upupa, cormorani, aironi, garzette, tortora, gazza ladra, folaga, gallinella d’acqua, altri volatili che non ho saputo identificare, uno fra tutti un uccello che sembrava un pappagallo, corpo verde fluorescente e testa arancione. Persino un uccello che lanciava un bruco per aria (ho una foto fatta male) penso per stordirlo o ucciderlo. Peccato non aver visto la volpe, ma le orme di cinghiale, quelle si.

Bello e ancora bello. Questo daino mi è apparso mentre stavo vagando nel bosco, era in compagnia. a dire la verità era tutto cosi silenzioso che probabilmente si è accorto di me da 10 km ma voleva essere sicuro che fossi un uomo, prima di allontanarsi. L’ho seguito, e ho visto tutta la famigliola. Non mi hanno permesso di avvicinarmi a piu di 100 metri, poi si allontanavano, cercando rifugio tra il papà o il compagno, un bellissimo maschio con un palco incredibile. Non ho molte foto, perchè ho passato piu tempo a godermeli che a fotografarli, e le poche foto che ho fatto non sono venute un gran bene, c’era cosi poca luce.. Di gruppetti di daini ne ho visti parecchi, ma la dinamica è sempre stata la stessa.

C’era infine una cosa che mi ha incuriosito molto. Una tana di qualche animale con i resti di un volatile appena fuori.. tasso? volpe? ho aspettato una mezz’ora nascosto dietro un cespuglio, ma nessuno si è fatto vivo, cosi sono andato via.

Questa voce è stata pubblicata in Parchi Nazionali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *