Roma torna nel caos

Roma torna ad essere la città invivibile di sempre.

Finito il delizioso periodo di Agosto in cui Roma per un mese intero diventa vivibile e molto più affascinante, con i grandi rentri dalle ferie torna a farci compagnia il traffico già congestionato alle 7 di mattina, i mezzi pubblici carichi come carri bestiame, e il puzzo di smog che si respira dal centro alla periferia.

Tanto che già con la moto andare al lavoro è tornato ad essere pericoloso. Questa mattina proprio per inaugurare questo inizio di tribolazioni le ambulanze corrono già frenetiche per la città, senza sosta, ma soprattutto senza essere in numero sufficiente per i botti che tutti i giorni avvengono tra le strade super affollate. Ma il romano si sa, un pò perchè da la colpa ai mezzi pubblici che non funzionano (e qui però posso garantire io), un pò (tanto e soprattutto) perchè è comodino e non ci prova nemmeno a prenderli, usa l’automobile per andare al lavoro tutti i giorni, sempre e comunque, qualsiasi cosa accada.

Cosi ti ritrovo l’Olimpica tutta bloccata con una persona per macchina. Ma il vero periodo nero sta per arrivare, quello che paralizzerà completamente la città. La riapertura delle scuole. Mamme e papà che prendono la macchina per accompagnare i figli alla scuola distante ben 200m da casa. Si vedono scene con protagonisti Suv parcheggiati in mezzo la strada per far scendere un unico bambino di fronte al cancello della scuola, non un metro prima ne un metro dopo. Devi scendere davanti, altrimenti gli altri genitori non riescono a vedere bene quanto sono stronzi i tuoi che si sono comprati un mezzo blindato da 100.000 euro!

Questa è la normalità di una città che gioca a fare la grande metropoli con capacità da paese di 300 anime.

Per non parlare poi di quando piove…

Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *